Matrice in collagene paragonabile all’innesto di tessuto connettivo nell’aumento di volume dei tessuti molli

Matrice in collagene paragonabile all’innesto di tessuto connettivo nell’aumento di volume dei tessuti molli

 

 

 

 

 

 

 

Lo studio clinico randomizzato controllato di Thoma e colleghi (2016) ha analizzato i risultati a breve termine dell’aumento di volume dei tessuti molli attorno ad impianti con una matrice in collagene (VCMX) per valutare se erano comparabili a quelli ottenuti con l’innesto di tessuto connettivo autologo subepiteliale (SCTG). Gli autori hanno, inoltre, studiato la sicurezza e l’integrazione tissutale della matrice VCMX e di SCTG.

Materiali e metodi:
L’aumento di volume dei tessuti molli è stato eseguito su 20 pazienti che presentavano un difetto di volume attorno ad un impianto singolo. L’applicazione di VCMX o SCTG è stata assegnata in modalità random ai pazienti che hanno costituito due gruppi di trattamento.
Dopo 90 giorni (FU-90) sono stati misurati lo spessore dei tessuti molli, i risultati riportati dai pazienti (PROMs) e la sicurezza. Al tempo della connessione dell’abutment a FU-90, sono stati raccolti i campioni tissutali per l’analisi istologica. L’analisi descrittiva è stata calcolata per entrambi i gruppi. La non inferiorità di guadagno di spessore del tessuto molle sul sito occlusale è stata analizzata con test non parametrici.

Risultati:
Lo aumento medio di spessore dei tessuti molli tra la situazione iniziale e FU_90 era di 1.8 mm (Q1:0.5; Q3:2.0) (VCMX) (p = 0.018) e 0.5 mm (-1.0; 2.0) (SCTG) (p = 0.395) (occlusale) e di 1.0 mm (0.5; 2.0) (VCMX) (p = 0.074) e 1.5 mm (-2.0; 2.0) (SCTG) (p = 0.563) (buccale).
È stato possibile dimostrare la non inferiorità con un margine di 1 mm (p = 0.020); la differenza tra le media (1.3mm) dei due gruppi per i siti occlusali ha indicato una superiorità non rilevante e non significativa di VCMX rispetto a SCTG (risultato primario). Il consumo di antidolorifici ed il dolore percepito erano più elevati nel gruppo SCTG a 3 giorni, in modo non significativo. Al giorno 7, il dolore fisico medio percepito (OHIP-14) era 100% più elevato per SCTG che per VCMX. L’analisi istologica ha mostrato che gli innesti erano ben integrati.

Conclusioni:
L’aumento dei tessuti molli attorno agli impianti è risultato simile o superiore per VCMX rispetto a SCTG, dopo 90 giorni. I PROMs non hanno evidenziato differenze di risultato tra i gruppi.

Thoma DS, Zeltner M, Hilbe M, Hämmerle CH, Hüsler J, Jung RE. (2016) Randomized controlled clinical study evaluating effectiveness and safety of a volume-stable collagen matrix compared to autogenous connective tissue grafts for soft tissue augmentation at implant sites. J Clin Periodontol. 43(10):874-885.